Tutto quello che devi sapere sul cibo per gatti

Tutto quello che devi sapere sul cibo per gatti

I gatti amano fare piccoli e frequenti pasti, i quali, in base allo stile di vita, possono oscillare dai dieci ai venti giornalieri. Se il tuo gatto è un cucciolo e non ha problemi di sovrappeso, puoi lasciargli degli alimenti sempre a disposizione, poiché è in grado autoregolarsi mangiando solo la quantità a lui necessaria, senza eccedere. Ma qual è il miglior cibo per gatti attualmente disponibile sul mercato? Scopriamolo insieme!

Cibo per gatti: tutto quello che devi sapere

Poiché il gatto ha delle esigenze differenti rispetto al cane, non devi innanzitutto somministrargli i cibi destinati a quest’ultimo. Il gatto ha infatti bisogno di arginina, taurina, di una quantità elevata di proteine, di acido linoleico e acido arachidonico. Evita inoltre di far seguire al tuo amico a quattro zampe una dieta costituita solo da pesce in scatola, carne e pesce fresco, poiché, soprattutto se si tratta di un cucciolo, potrebbe manifestare problemi alle ossa per assenza di calcio. Per quanto riguarda le frattaglie come polmone, fegato e grassi, sebbene siano molto gradite dall’animale, vanno somministrate con molta parsimonia in quanto contengono basse percentuali di sostanze nutritive e possono dare origine a pancreatite, obesità e alterazioni dello scheletro dovute alla tossicità da eccesso di vitamina A. Vanno invece evitate assolutamente le ossa di pollo e le lische di pesce, perché possono danneggiare l’apparato digerente e l’esofago. Se infine intendi somministrargli l’albume, ricordati di cuocerlo per debellare l’avidina.

Miglior cibo secco per gatti

Al fine di andare incontro alle numerose esigenze nutrizionali che possono cambiare nel corso del tempo, il cibo secco per gatti è disponibile in altrettante varianti. Per tale ragione, è bene sia consultare il tuo veterinario, sia leggere attentamente la lista degli ingredienti, che deve essere bilanciata e completa. Dato che il gatto è un animale carnivoro, l’ingrediente principale delle crocchette deve essere la carne o il pesce destinati al consumo umano. La percentuale delle suddette proteine deve aggirarsi intorno al 35-42%, mentre carboidrati e grassi rispettivamente meno del 30% e di circa il 15-18%. Meglio evitare la carne di maiale e manzo, poiché spesso proviene da allevamenti intensivi. È invece preferibile optare per quella di pollo e tacchino allevati a terra, che può presentarsi nelle seguenti quattro modalità:

  • carne fresca;
  • carne disidratata;
  • farina di carne;
  • animale disidratato.

Sebbene le diciture possano sembrare molto diverse tra loro, in realtà il risultato è molto simile, visto che la crocchetta è un alimento secco privato quasi totalmente dell’acqua. Alcuni produttori aggiungono le proteine vegetali per ridurre i costi del prodotto finale; in quest’ultimo caso è bene verificare che non provengano da agricoltura intensiva, la quale fa ampio uso di pesticidi e altre sostanze dannose per l’organismo. Per contrastare intolleranze e allergie, meglio lasciare in negozio gli alimenti che contengono legumi e cereali per prediligere quelli con zucca, patate dolci, riso e patate. Ricorda che gli amidi sono fondamentali per tenere insieme le crocchette, diversamente si sbriciolerebbero. I migliori marchi sono Almo Nature, Shesir, BioMill e FirstMate, in quanto disponibili in numerose varianti e sono cruelty free, termine indica che i prodotti non sono stati sperimentati sugli animali. Alcune aziende possiedono infatti dei laboratori nei quali le bestie vengono tenute all’interno di gabbie per tutta la loro esistenza e sottoposte a continue prove d’assaggio. In più, non è raro che agli animali vengano causate delle malattie per testare gli alimenti, basti pensare all’insufficienza renale cronica. Per quanto riguarda la scelta, deve essere influenzata da diversi elementi, come l’attività fisica del gatto, l’età, eventuali patologie, intolleranze, allergie e via discorrendo.

Miglior cibo umido per gatti

Il cibo umido per gatti, a differenza di quello secco, non rappresenta un pasto completo, ma complementare. Per avere la certezza di acquistare un prodotto di buona qualità, ricorda sempre di leggere l’etichetta, sulla quale deve essere sempre specificata la tipologia di carne utilizzata, in modo da sapere se può essere o meno adatta al tuo micio. Uno dei marchi più ricercati e apprezzati è Almo Nature, in quanto contiene ingredienti di prima scelta, la lista degli ingredienti è molto breve ed è cruelty free.

Cibo per gatti fatto in casa

Il cibo per gatti fatto in casa si rivela un’ottima soluzione per variare il regime alimentare del micio.

Per prepararlo puoi utilizzare carne o pesce freschi e cucinarli, ma attenzione a non superare i 50 grammi al giorno per un animale adulto, in quanto non si tratta di un cibo completo dal punto di vista nutrizionale.

La carne cruda è inoltre un’ottima fonte di approvvigionamento idrico, specie per tutti i gatti che tendono a bere poco.

Evita invece tutti i cibi dolci o che contengono cacao: i primi possono causare diabete melito, mentre il secondo è altamente tossico.

Miglior cibo per gatti cuccioli

Per far sì che un gatto piccolo possa crescere nel migliore dei modi, non devi assolutamente dargli il latte vaccino, in quanto provoca diarrea e può addirittura farlo morire.

Se si tratta di un micino non ancora svezzato, acquista il primo latte, ossia un latte in polvere specifico da sciogliere in acqua tiepida.

Via libera anche al pesce diliscato, alla carne di pollo o manzo bollita, sminuzzata e scondita, magari accompagnata dalle crocchette appositamente studiate per i cuccioli. Queste ultime, oltre ad avere delle dimensioni più piccole per essere masticate facilmente, contengono tutte le sostanze nutritive necessarie alla sua crescita.

Per quanto riguarda invece la quantità di cibo, evita di lasciarne troppa nella ciotola, in quanto il cucciolo ama fare pasti piccoli e molto frequenti.

Il giusto compromesso è rappresentato da quattro-cinque razioni giornaliere.

Cibo per gatti sterilizzati

I gatti sterilizzati hanno maggior appetito difficilmente controllabile, che può causare problemi di peso.

Per questo motivo la stragrande maggioranza dei brand propone dei cibi secchi e umidi appositamente studiati per loro, i quali contengono più proteine e alimenti dall’elevato potere saziante.

La quantità deve essere commisurata sia al suo peso, sia alla sua attività fisica: se hai un gatto che conduce una vita sedentaria, possono bastare 200 calorie al giorno, se invece gioca, corre e si arrampica continuamente, dovrai aumentarle, poiché il dispendio energetico sarà nettamente superiore.

Cibo per gatti con problemi intestinali

I problemi intestinali del gatto possono essere sia cronici che passeggeri e possono sfociare in diarrea, stipsi, coliti oppure difficoltà di evacuazione.

Per prevenirli è dunque fondamentale curare l’alimentazione, la quale non deve innanzitutto contenere le sostanze a cui è intollerante o allergico.

I cibi studiati per tale scopo solitamente riportano sulla confezione le diciture intestinal, gastro e via discorrendo. Prima di somministrarli al tuo micio e peggiorare la situazione, ricordati di chiedere un consiglio al tuo veterinario di fiducia.

Cibo per gatti in offerta: Posso fidarmi?

Se desideri acquistare del cibo di buona qualità senza rinunciare al risparmio, il cibo per gatti on line è la soluzione migliore.

I negozi online possono infatti proporre tariffe più basse rispetto ai negozi fisici, in quanto devono sostenere dei costi inferiori rispetto a questi ultimi.

Inoltre le offerte virtuali ti permettono di confrontare le tabelle nutrizionali in men che non si dica, evitando così lunghi tempi di permanenza davanti agli scaffali.